È ufficiale: la NASA svela finalmente il suo primo rapporto "serio" sugli UFO

Vai ai contenuti

È ufficiale: la NASA svela finalmente il suo primo rapporto "serio" sugli UFO

3D.A. CLOUD Internet Provider FIBRA FTTH VDSL VoIP Kaspersky Antivirus WatchGuard Antivirus SPID PEC Firma_Digitale Certificati SSL Brescia Concesio
Pubblicato da Angelo Domeneghini in Alieni - Divulgazione UFO · 19 Settembre 2023
Tags: #Nasa#UFO
È ufficiale: la NASA svela finalmente il suo primo rapporto "serio" sugli UFO





In risposta a un nuovo rapporto di un gruppo indipendente, la NASA afferma di aver nominato un direttore responsabile della ricerca sugli UFO – ora noti come fenomeni anomali non identificati, o UAP – e lavorerà con altre agenzie per ampliare la rete per la raccolta di dati UAP.

"Questa è la prima volta che la NASA intraprende azioni concrete per esaminare seriamente l'UAP", ha affermato oggi l'amministratore della NASA Bill Nelson durante una conferenza stampa presso la sede della NASA a Washington.

La NASA inizialmente ha tenuto nascosto il nome del suo direttore della ricerca UAP, ma più tardi nel corso della giornata, l'agenzia lo ha identificato come Mark McInerney, che in precedenza ha servito come collegamento della NASA con il Dipartimento della Difesa sulla questione UAP.

Nelson ha minimizzato l’idea che dietro tutti i fenomeni anomali registrati fino ad oggi ci fossero gli alieni, ma si è impegnato a mantenere una mente aperta.

"Penso che sia importante che tu ascolti questa parola parola per parola", ha detto. "Il gruppo di studio indipendente della NASA non ha trovato alcuna prova che gli UAP abbiano un'origine extraterrestre, ma non sappiamo cosa siano questi UAP. La missione della NASA è scoprire l'ignoto. L'ho detto più volte nei miei commenti qui oggi noi della NASA trattiamo apertamente e saremo trasparenti su questo."

Quando gli è stato chiesto se la NASA avrebbe effettivamente condiviso qualche prova di una causa extraterrestre, ha risposto: "Ci puoi scommettere che lo faremo".

In un comunicato stampa, Nelson ha affermato che McInerney lavorerà all'implementazione della visione dell'agenzia per la ricerca sull'UAP, "incluso l'utilizzo dell'esperienza della NASA per lavorare con altre agenzie per analizzare l'UAP e applicare l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico per cercare anomalie nei cieli".

La cooperazione tra agenzie e l’uso dell’intelligenza artificiale per dare un senso agli avvistamenti di UAP sono state tra le principali raccomandazioni contenute nel rapporto del gruppo indipendente, che ha fatto seguito a mesi di accertamento dei fatti. Il gruppo di 16 membri ha anche affermato che la NASA potrebbe creare nuovi strumenti per raccogliere rapporti di avvistamento da parte del pubblico.

"Il comitato ha immaginato una struttura che sfrutta il crowdsourcing, possibilmente tramite applicazioni per smartphone, per acquisire uno spettro più ampio di dati, garantendo più occhi e orecchie sul campo", ha affermato il presidente del comitato, David Spergel, fisico e presidente della Simons Foundation.

Il comitato ha affermato che il sistema di reporting sulla sicurezza aerea della NASA potrebbe essere sfruttato per raccogliere dati civili sugli UAP, in parallelo con un sistema di reporting militare creato dall’All-domain Anomaly Risoluzione Office del Pentagono, o AARO.

Il Pentagono ha assunto il ruolo guida sulla questione UAP in parte a causa delle preoccupazioni che almeno alcuni avvistamenti – ad esempio, l’incidente del pallone spia cinese che ha catturato l’attenzione nazionale all’inizio di quest’anno – possano sollevare preoccupazioni di sicurezza nazionale totalmente terrestri.


Il rapporto odierno invita ad ampliare la portata della ricerca dei fenomeni anomali. In futuro, i dati provenienti dai telescopi, incluso l’Osservatorio Vera C. Rubin, potrebbero essere analizzati per individuare eventuali segni di UAP nel più ampio sistema solare, afferma il rapporto. L’Osservatorio Rubin, finanziato dal governo federale, che ha sede in Cile, dovrebbe iniziare un’indagine grandangolare del cielo a metà degli anni 2020.

Un sistema satellitare di osservazione della Terra noto come Geostationary Extended Observations, o GeoXO, potrebbe fornire dati aggiuntivi che potrebbero essere rilevanti per gli studi UAP, afferma il rapporto.

Il rapporto rileva che molti rapporti UAP risultano spiegabili una volta esaminati. Ha citato l'esempio del video "GoFast", che ha registrato un incontro del 2015 tra un aereo da caccia della Marina e un oggetto aereo non identificato. Sembrava che l'oggetto viaggiasse a una velocità incredibile, ma un'analisi dettagliata del video ha stabilito che più probabilmente stava semplicemente fluttuando a causa dei venti ad alta quota e che la sua velocità era stata valutata erroneamente a causa di un effetto di parallasse.

Un interlocutore del briefing di oggi ha chiesto della recente testimonianza al Congresso di un ex ufficiale dell'intelligence statunitense che ha affermato di essere stato informato di prove di artefatti extraterrestri e campioni biologici. In risposta, Nelson fece riferimento a uno show televisivo degli anni '50 chiamato "Dragnet", con Jack Webb nei panni di un immaginario detective della polizia di Los Angeles di nome Joe Friday.

"Diceva: 'Solo i fatti'", ha detto Nelson. "Solo i fatti. Mostrami le prove."

Nicola Fox, amministratore associato della direzione delle missioni scientifiche della NASA, ha rifiutato di dire quanto la NASA sta stanziando specificamente per la ricerca UAP. Ha anche detto che la NASA non avrebbe fornito il nome del direttore della ricerca UAP, una posizione che è stata successivamente ribaltata.

Dan Evans, il funzionario della NASA che ha supervisionato il lavoro del panel, ha affermato che il tema degli UAP è ancora circondato da stigmatizzazione. Ha notato che i relatori hanno ricevuto una quantità preoccupante di messaggi di odio.

"Non solo alcune delle cose che i membri del nostro panel hanno ricevuto nel corso di questo studio erano semplici trolling, alcune di esse si sono trasformate in vere e proprie minacce", ha detto durante il briefing. "Noi della NASA prendiamo estremamente sul serio la sacralità del processo scientifico e la sicurezza del nostro team. E sì, questo è in parte il motivo per cui non pubblicheremo il nome del nostro nuovo direttore là fuori."

Ore dopo, la NASA ha aggiornato il suo comunicato stampa per identificare McInerney, un meteorologo pluripremiato, come direttore della ricerca UAP. Dal 1996, McInerney ha ricoperto vari incarichi presso il Goddard Space Flight Center della NASA, la National Oceanic and Atmospheric Administration e il National Hurricane Center.

"Dato l'interesse, condivido che la NASA ha scelto Mark McInerney direttore della ricerca UAP", ha detto Fox in un post su X/Twitter. "Mentre continuiamo a digerire il rapporto e i risultati del gruppo di studio, vi preghiamo di trattarlo con rispetto in questo ruolo fondamentale per aiutarci a comprendere meglio scientificamente l'UAP."





3D.A.
Un Solo Fornitore
3D.A. di Domeneghini Angelo - Via G. Zanardelli, 80/82 - cap. 25062 Concesio (Bs) - Tel +39 030 2008860 -
Fax 030 20 60 925 - P.I: 03307780175
Torna ai contenuti